HOME Volo Ultra Leggero
Arona Air Show 2022

Volare con un aeroplano ULM - VDS (Volo da Diporto o Sportivo)

Con il nome di Aeroplano Ultraleggero (ULM) si definisce un piccolo aereo di peso limitato con robustezza e prestazioni di alto livello, che vola con la benzina-verde del distributore, consumando meno di un’automobile: 12 Km con 1 litro, ma con velocità di crociera doppia di quella di un automobile, ovvero 250 Km/h

Esistono nel mondo dell'Aviazione Leggera due categorie di aerei (esclusi quelli di tipo commerciale o militare), i MicroLight (UltraLeggeri) che sono aerei monoposto e biposto per la pratica del pilotaggio sportivo e da diporto. In Italia gli ultraleggeri sono i velivoli classificati come appartenenti al VDS (Volo da Diporto o Sportivo) e normati dalla Legge 25 marzo 1985, n.106 " Disciplina del volo da diporto o sportivo". Questa definizione vale anche per l'utilizzo dell'elicottero, molto meno diffuso a causa del suo costo, per mancanza di un termine più appropriato. L'aviazione da diporto è praticata principalmente da piloti privati, richiede la conoscenza del pilotaggio, della navigazione a bordo di velivoli leggeri monomotore che portano poche persone e che volano su distanze limitate con il pregio intrinseco di poter essere utilizzati come aeroplani da scuola per i piloti.
Lo sviluppo di attività aerea come ULM , parapendio, ecc. ha permesso a tutti di far parte del mondo dei piloti di aeroplano.

L'EASA l'Agenzia per la Sicurezza Europea regola la categoria dei velivoli di Aviazione Generale degli aeromobili più pesanti e complessi degli aeroplani ULM e che trasportano sino a 6 persone. Agli inizi gli aerei ULM erano tubolari con struttura e intelaiatura esclusivamente in legno, metallo e tela, si è passati a una strutture di nuova concezione adottando le nuove tecnologie, estremamente avanzate, in grado di sostituire i materiali pesanti come il legno e l’alluminio con materiali compositi e fusioni di carbonio, materiali estremamente leggeri e con resistenza pari a quella dell’acciaio! L’ “ultraleggero” è quindi un mezzo di trasporto, di divertimento e di addestramento al volo estremamente moderno e sicuro: in Italia ne circolano diverse migliaia sparsi e alloggiati nei vari campi di volo e terreni attrezzati. Il suo pilotaggio è facile e non richiede particolari attitudini, e la sua sicurezza e garantita all’adozione di un’”avionica” sofisticata e decisamente all’avanguardia.
L’avionica è l’insieme della strumentazione che il pilota trova nella cabina di pilotaggio e che gli serve essenzialmente per navigare in tutte le situazioni di volo.
Il progresso tecnologico ha permesso di montare anche sugli aerei ultraleggeri, con costi accessibili, strumenti di ultima generazione che permettono navigazioni precise con sistema GPS, e che forniscono al pilota una serie di informazioni essenziali sugli assetti del velivolo e sulla gestione ottimale del motore, dell’impianto elettrico, di quello idraulico e così via.
Quando parliamo dell’apparato motopropulsore sugli aerei ULM c'è da sorprendersi per la qualità del manufatto per il vantaggioso rapporto peso-potenza.
I motori leggeri e potenti riescono riescono a dare potenze di 100 CV, sufficienti per raggiungere velocità di crociera di oltre 250 Km/h.
L'economia del volo si ottiene con l'adozione di un sistema di regolazione del passo dell’elica che automaticamente, in funzione della velocità richiesta dal pilota in una determinata fase di volo, con la migliore trazione possibile dall'elica.